Wattenmeer (Mare dei Wadden)

Wattensee o Mare dei Wadden, spiaggia in Germania

Ultimo Aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

L’area del Wattenmeer o Mare dei Wadden è resa speciale dalla grande biodiversità che la caratterizza. Il suo paesaggio in riva al mare delimita gli 11.000 chilometri quadrati del sito nominato patrimonio dell’umanità. Questo comprende i parchi nazionali del Wattenmeer in Schleswig-Holstein, Bassa Sassonia, Amburgo e Danimarca e la riserva del Wattenmeer nei Paesi Bassi. Qui di seguito andiamo a scoprire questo interessante itinerario di viaggio in Germania.

Tra le spiagge e le dune del Mare dei Wadden

Gli sterminati banchi di conchiglie, i prati ricchi di zostera e watt morbido sono una grande fonte di alimentazione per gli animali della zona. Il paesaggio è delineato da paludi saline nell’area antistante alle dighe, in contrapposizione alle isole halligen, dove si alternano spiagge bianche e dune selvagge. Numerose specie di uccelli migratori fanno sosta nella zona del Wattenmeer durante i loro viaggi.

Alta e bassa marea

Dal punto di vista geologico il Mare dei Wadden è un paesaggio molto giovane (si è formato solo 10.000 anni fa), e grazie all’influenza dei venti e delle maree, cambia continuamente volto. Il fenomeno dell’alternanza di alte e basse maree crea una grande diversità nel panorama in un tempo ristretto, ogni sei ore infatti questo fenomeno naturale compie un ciclo intero. Grazie alle maree è possibile avventurarsi nel Watt o raggiungere le isole o gli halligen partendo direttamente dalla terraferma.

È possibile farsi guidare dalle esperte guide turistiche, che vi porteranno a scoprire come terra, acqua e vento interagiscono tra loro, mentre stormi di uccelli volano in cielo. Alcune volte è persino possibile osservare le foche che si riposano al sole su un banco di sabbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.